Appello

Siamo quelle e quelli che trasportano, caricano, scaricano e montano i palchi e le strutture degli spettacoli e dei concerti.

Siamo quelle e quelli che collegano i cavi, allacciano la corrente, fanno funzionare audio, luci e video.

Siamo quelle e quelli che su quei palchi suonano, recitano, parlano, vi intrattengono.

Siamo le e i DJ, buttafuori, baristi, piccoli gestori di club e discoteche, lavoratori dei musei e dei teatri, titolari di service di vario genere, cooperative, partite IVA, dipendenti, consulenti, collaboratori, persone e piccole e medie imprese che vivono di spettacolo, cultura e intrattenimento.

Spesso siamo invisibili, spesso siamo sottopagati, spesso non abbiamo indennità, ferie, diritti.

Siamo divisi e frammentati da sempre, spettacoli e cultura nel nostro paese sono comparti da sempre avanguardia di precarietà e flessibilità, anche per natura stessa delle produzioni effimere nelle quali lavoriamo e grazie alle quali viviamo.

Siamo spesso visti con invidia da chi pensa che siamo fortunati a vivere delle nostre passioni: è vero, spesso abbiamo fatto delle nostre passioni strade per soddisfare le nostre necessità. Ci è costato e ci costa tanto, e questa è la parte che nessuno vuole vedere: formazione, studio, sacrifici di tempo e finanziari, tentativi e fallimenti, notti in bianco e turni massacranti che non finiscono mai.

Il nostro tempo è spesso scandito non da orologi ma da clessidre, si parte a quell’ora succeda quel che succeda, “the show must go on” sempre, il pubblico aspetta ma pretende, poi se ne va e qualcuno resterà altre ore se non giorni a disallestire per poi far ripartire il circo verso altri lidi. E via da capo.

Adesso la crisi del lockdown ha fermato il nostro tempo. L’ha fatto prima di molti altri comparti produttivi, teatri, cinema, musei, sale da concerto, club sono stati fra i primi a fermarsi in Italia (assieme alle scuole, ci preme ricordarlo).
E’ ora evidente che saremo forse gli ultimi a ripartire, si parla addirittura del 2021 ormai.

Questa sospensione ci da una grande occasione, quella di sederci a parlare fra di noi e con il mondo esterno a noi, si sente parlare da più parti delle esigenze basilari che dovranno essere soddisfatte, esigenze di sindacalizzazione, contratti nazionali, minimi salariali, diritti, misure concrete di sostegno ai nostri redditi troppo spesso saltuari e legati unicamente alla produzione stessa. In pratica siamo sempre al cottimo, se si lavora si mangia, se no no.

Già da alcune parti ci dicono che per favorire la ripresa del settore dovremo accettare qualsiasi condizione, qualsiasi ribasso “tanto per voi adesso sarà importante intanto lavorare”.
Nossignori. Non a qualsiasi costo.

Rimettiamo al centro le nostre vite, i nostri diritti, la gioia di salire su un palco ma anche quella di tornare a casa, vivi, interi, sani e ben pagati.

Non lavoreremo mai più a “ogni costo”, non ci piegheremo più a chi ci ricatta “perché tanto c’è la fila fuori” o perché “fai questo lavoro così e poi il prossimo vedrai ti porto alla celebrità” o ricatti ancora più viscidi.

Sia chiaro che non c’è spazio nel nostro mondo per sessismo, razzismo, esclusione.

Lo vogliamo dire forte perché siamo una grande famiglia, da qualsiasi parte del mondo si provenga o quale che sia il tuo genere ed orientamento sessuale siamo tutti sorelle e fratelli, uniti nella buona e cattiva sorte, al riparo di un teatro stabile o sotto la pioggia su un palco all’ultima delle feste di paese.

A questo proposito vogliamo ricordare che le e gli stranieri che hanno perso il lavoro in questi mesi stanno concretamente rischiando di perdere anche ogni diritto a restare in Italia (che in alcuni casi può significare anche la differenza fra la vita e la morte), vogliamo che sia fatta una sanatoria immediata per chi sta rischiando la clandestinità per colpa della crisi, o meglio per l’assenza di politiche migratorie serie e finalmente slegate dal ricatto lavorativo.

Vogliamo che si parli subito di misure concrete e urgenti di sostegno UNIVERSALE al reddito.
Vogliamo che si parli subito di come potremo riempire di nuovo teatri, scuole, musei, cinema, club, palazzetti, piazze e strade lavorando in SICUREZZA e con la tutela della nostra SALUTE. Sempre, per sempre.

Vogliamo che questo primo maggio sia un’occasione per rinnovare il ricordo dei nostri colleghi che hanno perso la vita facendo questo lavoro.

Perché ciò che è successo a Francesco Pinna, Matteo Armellini e a Khaled Farouk Abd Elhamid non capiti mai più.

La festa delle lavoratrici e dei lavoratori del 1° maggio quest’anno arriva in un momento tragico e carico di incognite. Proprio per questa ragione è inconcepibile che una scadenza come questa non diventi l’occasione per mettere al centro la condizione drammatica che milioni di noi stanno vivendo, non in conseguenza della pandemia ma della propria condizione lavorativa.

Reclamare diritti urgenti, da cui dipende letteralmente la vita di molte persone, da dietro il monitor di un personal computer, grazie a una connessione che qualcuno già non può più permettersi, sarebbe impossibile e inutile.

Sentiamo la necessità di trovare le forme per manifestare, mettendo a frutto la fantasia e la creatività di un comparto che, per sua natura, si alimenta dell’estro creativo di coloro che vi lavorano.

Questa urgenza comunicativa che sentiamo tutte e tutti merita di emergere il 1° maggio, come momento collettivo di gioia, di rabbia e di confronto con tutte e tutti quelli che, come noi, stanno soffrendo di più la crisi.

Il nostro pensiero va anche alle persone che lavorano nel turismo, nella ristorazione, in tutti quei comparti produttivi che vivono grosse incertezze come noi in questo momento, a tutte e tutti i precari, sottopagati, le micro e piccole imprese e cooperative che agonizzano sotto pesi fiscali impossibili da sostenere, i senza reddito, i senza casa, i senza diritti.

Sappiamo di non essere i soli a soffrire, non vogliamo neanche essere soli a lottare e far sentire le nostre voci.

Riempiamo le nostre strade, le nostre piazze di mini e micro manifestazioni (a distanza e in sicurezza, sia chiaro), flash mob, performance, striscioni, colore e gioia, volantini, comunicazione.

RIVENDICHIAMO IL REDDITO DI QUARANTENA, MISURE UNIVERSALI PER TUTTI, RIVENDICHIAMO LA TUTELA DELLA NOSTRA SALUTE E DELLA NOSTRA SICUREZZA.

FACCIAMOLO ORA, IL NOSTRO TEMPO E’ ORA E COMINCIA ADESSO!

ASSEMBLEA DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO E CULTURA DI TRIESTE

REDDITO DI QUARANTENA UNIVERSALE-SALUTE-SICUREZZA SUL LAVORO
PER TUTTE E TUTTI, ITALIANE/I E MIGRANTI

________________________________________________

Seguici su Facebook

One thought on “Appello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: